Petrolati....Perché evitarli

Buongiorno ragazze :)
oggi vorrei parlare delle sostanze che non dovrebbero essere presenti nei nostri prodotti cosmetici e che purtroppo troviamo ancora troppo spesso in creme cosmetiche, lip balm e in molti altri prodotti.



Parlo dei petrolati! cosa sono, a cosa servono e perchè non dovrebbero essere usati in cosmesi.

I petrolati sono una classe di composti ricavati dal petrolio per distillazione; tra questi la vaselina è la più conosciuta ma i petrolati possono essere trovati  anche sotto altri nomi commerciali come:

  • olio minerale (mineral oil)
  • gel di petrolio
  • petrolatum
  • paraffinum liquidum (paraffina)

Essi sono utilizzati sia in campo cosmetico che farmaceutico come agenti filmanti creando un film sulla pelle e rendendola così liscia al tatto, donando levigatezza e impedendo la disidratazione.

Ma questa "pellicola" trattiene acqua mantenendo l'idratazione determinando però un effetto occlusivo dei pori della pelle che non possono traspirare comportando infezioni batteriche soprattutto in tipologie di pelle delicate, non idrata in profondità la nostra pelle come dovrebbe fare.

Troviamo i petrolati, vaselline o mineral oils in svariati prodotti cosmetici e farmaceutici come:

  • pomate, creme (dopobarba, emollienti, antietà, idratanti ecc)
  • rossetti, lucidalabbra,
  • prodotti per capelli ( balsami e gel fissanti)
  • ma anche in prodotti insospettabili come i fazzoletti di carta e i prodotti baby, prima fra tutti una nota marca americana olio Joh**son 😨

La Direttiva "sostanze pericolose" della CEE n.67/548/CEE e le sue successive modifiche, stabilisce una chiara catalogazione tra i derivati del petrolio, tra i cancerogeni e i non.

La vaselina (paraffina molle) è classificata come cancerogena cat.2, a meno che non ci sia la certezza che l'olio di base  non lo sia perchè non contiene alcuna impurità. I fornitori di paraffina e vaselina per uso cosmetico devono dare garanzia di non fornire vaselina di categoria 2 cancerogena per le impurità contenute, e ottemperando alla direttiva 2003/15/CE settima modifica, devono fare dichiarazioni certificate di produrre con olii base che non contengano più del 3% di impurità pericolose."

Si intuisce quindi come sia importante scegliere prodotti di qualità, che non contengano queste ed altre sostanze pericolose perchè difficilmente analizzabili nel loro percorso di raffinazione.

Una valida alternativa per uso cosmetico è quella di usare oli e burri vegetali, non solo per un minor rischio alla salute ma anche perché le sostanze naturali nutrono e mantengono sana la pelle, apportando principi attivi e vitamine.

1 commento:

  1. Ciao Alice, io è da un po' di tempo che sto molto attenta all'inci dei prodotti cosmetici che uso e che quasi sempre acquisto biologici. Oltre al fatto che alcune sostanze sono dannose, ho notato miglioramenti notevoli della mia pelle e capelli, che prima avevo molto grassi!

    RispondiElimina